Il  Contrabbasso

wpe1D.jpg (4694 byte)


Strumento musicale a corde e ad arco, a fondo piatto, il pi¨ grave della famiglia degli archi.
╚ attualmente munito di quattro corde, accordate per quarte, partendo dal mi
1; una varietÓ Ŕ dotata di una quinta corda che permette di raggiungere il do grave. ╚ notato in chiave di basso, un'ottava sopra i suoni reali. Nel registro acuto e sovracuto si usano le chiavi di tenore e di violino.
Il contrabbasso cominci˛ a entrare nell'uso nella seconda metÓ del xvi sec.; tra i primi costruttori sono da ricordare Gasparo da Sal˛ e Nicola Amati. Inizialmente aveva la funzione di rinforzare la parte del basso in orchestra, ma per la possibilitÓ di ottenere effetti cantabili nell'acuto, cupi e drammatici nel grave, potÚ essere impiegato anche come strumento solista (Serenata notturna in re K. 239 di Mozart, 1776; Sestetto di Boccherini, 1787; Sei sonate di Rossini, 1804, e composizioni di autori moderni: Stravinskij, Ghedini, ecc.). Dal 1925 circa, il contrabbasso Ŕ entrato anche nella musica jazz, trattato con la tecnica del pizzicato, escludendo quasi completamente l'uso dell'arco: ha la funzione preminente di assicurare la base armonica all'orchestra e di scandirne il ritmo insieme con la batteria e il pianoforte.

 

 

torna.gif (12820 byte)